I sentieri dei pellegrini

Da Pietramontecorvino a Volturara Appula, lungo le vie delle antiche Diocesi Medievali

difficoltà alta
17,2 km
  • sterrato
  • asfalto
L'itinerario si sviluppa su percorsi delle antiche Diocesi Medievali di Montecorvino e Volturara Appula.

L’Itinerario ha inizio dal bivio Pietra Montecorvino (959 m) il sentiero si inoltra a settentrione per un breve tratto nel bosco comunale di Motta Montecorvino, giungendo nel bosco comunale di Pietra, sul versante occidentale del Monte Sambuco e del Monte Ventolosa (907 m), quindi passando per il “Casone” (863 m), caratteristica costruzione presente nel bosco, termina alla “Fontana Pila del Ladro” (838m) dove è possibile fare una sosta.

Dal punto di vista faunistico presenta notevoli attrattive, dal lupo, al ghiro, al cinghiale, al tasso, faina, donnola, topo quercino oltre a numerosissime specie di uccelli.

Interessante anche la presenza di numerose specie di farfalle e coleotteri fra cui il raro cervo volante, il coleottero più grande d’Europa.

Interamente compreso nell'Area S.I.C. Monte Sambuco, ha un andamento "ramificato" e si dirama attraverso sentieri attrezzati, ma a fondo naturale o brecciato, nei boschi di Sant’Antonio e di San Cristoforo, lambendo il Torrente La Catola.

Nei pressi di un’area Pic-Nic alle pendici di Monte Sambuco, giunge nei pressi del santuario della Sanità al Borgo di Volturara Appula.